martedì 27 maggio 2014

Binario "morto"

C'era una volta ... Oggi non c'è più. Un tempo qui la vita cantava. Oggi c'è l'oblio. Il passato, però, continua a parlare ... Ma nessuno sta a sentire. I canti degli operai, le loro voci, il loro richiamarsi. Il rumore del carico .... i carramattai. Il profumo delle arance ... Il viaggio del nostro prodotto. Osservare, oggi, mette malinconia. Il cuore batte per l'emozione e la tristezza. Ascoltare un "vecchio" che dice: " una volta si faceva questo ... Una volta caricavamo .... .... .... " Una volta! Oggi i nostri politicanti hanno altri "interessi", oggi si vivono nuovi "accordi", oggi si fanno nuovi "affari" .... Oggi si vive come senza passato. Oggi si vive proiettati nel futuro. Ma come fa ad esistere il futuro senza il passato?! .... Binario morto che morto non è. Il passato urla nel silenzio, ascoltiamolo.

mercoledì 7 maggio 2014

il mio cammino particolare ...

La sera del 3 maggio ho iniziato il cammino, a piedi, verso Melilli. E' tradizione da queste parti fare tale cammino per sciogliere un voto. Arrivare a piedi a Melilli per la festa di San Sebastiano. La strada è lunga 24 km. Strada buia, silenziosa, in compagnia di tanti ma ... sola con te stessa. Non ho fatto alcun voto, non dovevo sciogliere nessuna promessa. Desideravo fare questo pellegrinaggio e l'ho fatto. Anche a Maggio 2013 l'ho fatto, era la prima volta. Alle 21,30 ho iniziato questo cammino solitario in mezzo ad altri. Quante emozioni! Torcia in mano, zaino in spalla e via. Il profumo della natura, la coperta di stelle, uno spicchio di luna. Girandomi osservo le luci della mia Catania.Le gambe vanno. Alle 23 arrivo a Villasmundo, finalmente le luci di paese. Una piccola sosta in chiesa e di nuovo in strada. Adesso inizia il tratto più duro .... discese, salite, curve ... silenzio. In lontananza l'abbaiare di un cane. Dagli alberi la voce di qualche gufo, si fa sentire il cinguettio di qualche uccellino insonne. E' ancora lunga la strada. Il freddo della notte mi avvolge. Vorrei pensare a tante cose ma la mente si rifiuta ... è libera la mente. C'è solo il silenzio. Un silenzio che non fa paura, un silenzio che ti guida. In lontananza altre luci ... la zona industriale ... Priolo ... Melilli. Stiamo arrivando, forse, ma no ancora c'è un bel pò di strada. La fatica si fa sentire ma si va avanti. Finalmente!!!! Ecco Melilli ... guardo l'orologio sono le 01,55 ... manca il tratto più duro ma veramente duro , però, il grosso è fatto. Che soddisfazione! Guardo indietro e vedo luci in lontananza, le ombre della natura, le salite ... quanta strada! Arrivata sul piazzale vedo tanta gente seduta a terra, sono stanchi ma sereni ... Aspettano che il portone della Basilica venga aperto, aspettano di vedere San Sebastiano per ringraziarlo ... per esternare la loro fede, il loro amore. E' commovente osservare. Ho sfidato me stessa, ho vinto. Non mi sono persa d'animo, ce l'ho fatta. ====================================================================================== Festa del patrono San Sebastiano Martire di Melilli (Siracusa). In suo onore i devoti, la notte tra il 3 e 4 Maggio, si recano in pellegrinaggio a piedi, da Carlentini, Lentini e altri comuni, sino a Melilli. La storia ci tramanda che alla fine dell'Aprile del 1414 una nave, proveniente dall'Adriatico, naufragò sull'isola Magnisi. Non ci furono vittime e i naufraghi attribuirono questo eccezionale accadimento alla statua di San Sebastiano, contenuta in una cassa trasportata nella nave, che si preoccuparono subito di raccogliere, non riuscendo però a sollevarla. La notizia dell'evento giunse presto al vescovo di Siracusa che, con il popolo in processione, si recò subito sul posto al fine di portare la statua presso la sede arcivescovile. La fama di questo miracoloso fatto giunse anche a Melilli il cui popolo, spinto da fede e da curiosità, si recò nel luogo in cui vi era la statua il 1° Maggio 1414. La leggenda tramanda che nel momento in cui si decideva presso quale dei paesi del siracusano la statua dovesse esser collocata, improvvisamente e miracolosamente il simulacro divenne pesante per tutti coloro che cercavano di sollevarlo tranne che per gli abitanti di Melilli i quali trasportarono il miracoloso Simulacro di San Sebastiano in processione fino al paese tra canti di gioia e inni religiosi. I festeggiamenti hanno inizio la sera del 3 maggio con la processione del reliquario in argento: un braccio che tiene in mano una freccia. La notte fra il 3 e 4 maggio, la piazza e il corso principale restano illuminati a giorno per accogliere i pellegrini che arrivano a piedi dai paesi vicini e che aspettano con trepidazione ed ansia l'apertura della chiesa, per manifestare il loro ringraziamento a San Sebastiano. Alle ore quattro in punto del 4 maggio, tra scampanio di campane e sparo di mortaretti viene aperta la Chiesa, nella quale si riversano i fedeli che gridano: "semu vinuti ri tantu luntanu. Primu diu e e Sam Mastianu". Verso le ore sei, correndo, arrivano dalla santa croce (località in cui si trova un'edicola votiva del Santo) i "nuri" di Melilli, uomini, donne e bambini vestiti di bianco con fazzoletto in testa, fascia rossa a tracolla e sui fianchi, un mazzo di fiori in mano, successivamente arrivano i "nuri" di Sortino e Solarino. Alle ore dieci si assiste alla trionfale uscita del fercolo, che viene portato in processione per le vie del centro storico. I festeggiamenti si concludono l'11 maggio, quando il simulacro di San Sebastiano, dopo aver percorso le vie della nuova zona di espansione, viene conservato nella basilica al grido "primu diu e sam mastianu". La festa di "maju" è anche per molti melillesi emigrati l'occasione di un ritorno alla loro terra natia Il Santo Patrono è solennemente celebrato il 20 gennaio, giorno del suo "dies natalis", quando, alle ore sei, si può assistere alla solenne SVELATA della statua taumaturgica, posta sull'altare maggiore. Il Santo rimane esposto alla venerazione dei fedeli per l'intero ottavario, per essere conservato, poi, nella sua nicchia fino al 4 maggio. Per maggiori informazioni: www.sansebastianomelilli.it - www.comunemelilli.it